Gli anni dal 1910 al 1938

Non è per nulla semplice tracciare un profilo storico dettagliato del Corpo Musicale, soprattutto per quanto riguarda i suoi primi decenni di vita. Venne fondato nel 1910 ad opera dell’allora Parroco di Robecco Don Luigi Brera, con il nome “SANTA CECILIA”, la Santa protettrice dei musicisti. La direzione venne affidata al maestro Giovanni Castiglioni di Magenta e la sua prima sede era situata al numero 2 del Vicolo Marconi. Il Corpo Bandistico assunse un ruolo fondamentale nella vita sociale del paese, in quanto ogni sua partecipazione a feste e manifestazioni diventava motivo e pretesto per momenti di svago e di evasione da quella che era la dura vita dei contadini di allora. A quel tempo le occasioni per ascoltare musica erano molto rare e spesso, sulle allegre note dei valzer suonati dalla Banda, venivano improvvisate vere e proprie danze. Abbiamo delle testimonianze scritte tratte dai diari che Don Luigi Brera lasciò durante il suo ministero a Robecco della presenza del Corpo Musicale a numerose processioni. Si legge infatti in uno scritto del 29 Agosto 1919:
“Festa patronale S. Giovanni Battista. Ore 10,30 terzo segno di Messa solenne. Molto Reverendo Preposto di Corbetta. Processione dalla casa parrocchiale col Corpo Musicale”.

Un altro scritto del 29 Agosto 1920:

“Ore 17 Vesperi Domenicali e processione con fermate a San Maiolo e nell’oratorio Decio. Intervento del Corpo Musicale Locale”.

Anche se il primo nucleo della Banda non era molto numeroso e per di più senza divisa, partecipò attivamente ad incontri e a raduni organizzati dalle bande dei paesi vicini che già a quel tempo vantavano una consolidata tradizione musicale, e ricevette anche numerosi riconoscimenti e premi. Occorre arrivare negli anni ’20 affinché il Corpo Musicale abbia la sua prima divisa. Negli anni successivi alla Grande Guerra, vi fu un notevole incremento dell’organico, forse dettato dal desiderio di dimenticare gli orrori del precedente conflitto e dal desiderio di ritornare alla normalità. In questi anni si hanno le prime notizie a proposito della “Piva” suonata per le vie del paese la vigilia di Natale. Il 14 Luglio 1929, alla presenza delle autorità locali civili e religiose, venne inaugurato il primo vessillo della nostra Banda. Ne abbiamo una testimonianza scritta, tratta dal “Liber Cronicus” parrocchiale compilato dal parroco Don Luigi Ballabio

“In questo giorno colla benedizione del Parroco si è inaugurato il vessillo del Corpo Musicale locale. Ben sette musiche dei paesi circonvicini hanno condecorato la festa”.

Anche le musiche di Robecco si fecero onore. Vi fu anche un banco di beneficenza Pro Corpo Musicale; fu ben organizzato e fruttò un bel gruzzolo di soldi.