Gli anni '80 e '90

Con il passare degli anni anche il repertorio della Banda si adeguò sempre di più ai gusti musicali della gente: fino ad allora i pezzi forti suonati durante i concerti erano costituiti da sinfonie tratte dai capisaldi del Melodramma Italiano (Il Trovatore, La Traviata, Il Rigoletto,…), mentre dalla seconda metà degli anni ’70 si cominciò ad introdurre brani composti da canti popolari, da canzonette e da pezzi di musica jazz. Questo comportò accese discussioni tra coloro che prediligevano un repertorio più classico e coloro che preferivano invece eseguire pezzi più “moderni” e vivaci. Nel 1980 prese la direzione del Corpo Musicale il Cav. Cirielli Onorino, mentre nel 1982 gli subentrerà l’attuale maestro Sala Pietro che, dopo aver frequentato il Conservatorio e aver fatto “gavetta” per diversi anni come musicista, salirà al podio dando un innovativo impulso sia al repertorio che all’organico.